Conviene comprare follower e like Instagram ?

Marzo 12, 2021 - Social

Comprare Follower e Like per i propri profili instagram può sembrare una “scelta furba” ma la verità, è che si tratta di una scelta stupida, perché quei follower e quei like, ottenuti pagando non sono reali, non sono attivi, sono semplicemente account di utenti che non seguono il proprio feed, non interessati ai profili che seguono, che hanno l’unico obbiettivo di “gonfiare” un numero inflazionato e privo di valore.

Acquistare 10.000 follower , non significa avere 10.000 follower.

In questo post cerchiamo di capire la differenza tra un vero follower ed un finto follower.

Chi sono i follower?

Sul piano linguistico sia il follower conquistato che quello acquistato, sono entrambi account che seguono il nostro profilo e, apparentemente, non c’è alcuna differenza, tuttavia, a noi non interessa avere dei follower, a noi interessa che le persone, e sottolineo, persone e non account, che seguono il nostro profilo, siano realmente e genuinamente interessate ai post che pubblichiamo.

Questo perché un follower interessato ai nostri contenuti sarà un follower attivo, ovvero un follower che si soffermerà a leggere i nostri post, per quanto molti credono che il testo su instagram sia irrilevante, sarà un follower che interagisce con i nostri post, lasciando like, commentando, guardando le nostre stories, rispondendo alle nostre domande e alle nostre stories, ed è questo il tipo di follower che ci interessa e fa crescere la nostra pagina, e di riflesso il nostro business.

Un follower interessato ai contenuti proposti di una pagina non è solo un utente, una persona, che segue e interagisce, ma anche un utente che parla e consiglia in nostri post, dando così un enorme visibilità ai nostri contenuti.

Come avrai notato, ho sottolineato più volte che un follower è una persona, e questa è la grande differenza tra un follower autentico ed uno disinteressato che abbiamo ottenuto a pagamento o con strumenti non particolarmente “leciti”.

Un follower è una persona, non un numero.

Conviene acquistare follower?

Fatti i dovuti distinguo, possiamo dire, senza alcun timore, che no, non conviene assolutamente acquistare follower, neanche quando ci viene detto che sono “follower reali” perché quei follower ottenuti pagando, anche se si tratta di account gestiti da utenti, non sono follower reali che, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, sono interessati ai nostri contenuti.

A tal proposito bisogna fare un ulteriore distinguo tra follower ottenuti a pagamento, mediante la sponsorizzazione del nostro profilo o dei nostri post, e follower acquistati.

Diversamente dai follower acquistati, quelli ottenuti mediante sponsorizzazione dei post o del profilo, sono potenzialmente utenti interessati a ciò che pubblichiamo, e questo perché, se la campagna ADS è stata progettata in modo accurato, individuando il giusto target di riferimento, saremo riusciti a raggiungere una fetta di pubblico a cui interessa la nostra tipologia di post e, se i nostri post sono contenuti di qualità, allora grazie alla sponsorizzazione ci ritroveremo a mostrare il contenuto giusto al pubblico giusto, con l’effetto naturale di ottenere un ROI (ritorno dell’investimento) in termini di maggiore traffico verso il nostro profilo, maggio numero di interazioni con i nostri post, incremento dei follower e aumento della fidelizzazione del pubblico.

Possiamo quindi dire che, non conviene acquistare follower, ma conviene invece investire in sponsorizzazioni mirate per far aumentare i nostri follower.

Servizi che vendono Follower

Esistono numerose piattaforme ed app che vendono o offrono strumenti per ottenere follower, anche gratuitamente.

Queste piattaforme, di cui per ragioni legali non farò i nomi, non sono strumenti di promozione per profili e post, perché, come già ampiamente detto, non permettono di incrementare il nostro bacino di utenti fidelizzati ma, al contrario, si limitano a fornire delle “protesi” digitali, finalizzate esclusivamente ad incrementare, una tantum, i nostri like ad un post o i nostri follower.

Queste piattaforme offrono diversi pacchetti che vanno da poche decine a diverse migliaia di follower, acquistabili a partire da pochi centesimi.

In molte di queste piattaforme, con circa 90€ è possibile acquistare pacchetti da 10.000 follower.

10.000 follower per soli 90€ può sembrare un offerta allettante, perché con il superamento dei 10.000 follower è possibile sbloccare diverse funzioni di instagram, come ad esempio l’inserimento di link nelle stories, unici link che è possibile inserire su instagram al di fuori della bio. Inoltre, avere più di 10.000 follower può dare l’impressione di avere un profilo popolare, di essere degli influencer.

La verità è che, fatta eccezione per lo sblocco meccanico delle funzioni, tutto il resto è solo una grande menzogna raccontata soprattutto al proprio pubblico reale.

Perché si finge di avere un seguito maggiore di quello che si ha effettivamente, con tutti gli effetti negativi che ne conseguono.

Perché non conviene comprare follower

Il primo effetto negativo del gonfiare i propri follower acquistandoli, è che il numero di follower non corrisponde al numero di persone che ci seguono che sono realmente interessate al nostro profilo, ed è probabile che in futuro, come già fatto per il counter pubblico dei like sotto un post, Instagram possa decidere di rimuovere anche l’indicatore del numero di follower.

Il secondo effetto negativo è legato all’engagemant rate, ovvero il rapporto tra follower, portata ed interazioni dei follower con i nostri post.

Detto molto semplicemente, avere 10.000 follower e ricevere 8 like ad un post, significa avere un bassissimo engagemant rate, detto in altri termini, significa che di quei 10.000 account che ci seguono, solo 8 hanno trovato interessante il nostro contenuto.

Il terzo effetto riguarda la portata dei nostri post, ovvero quanti dei nostri follower vedono il nostro post. Avere tanti follower disinteressati ai nostri contenuti riduce la priorità dei nostri post e di conseguenza questi vengono mostrati “meno” ai nostri follower. Questo significa che avendo 10.000 follower disinteressati ed 8 interessati, quasi nessuno vedrà i nostri post.

Il quarto effetto riguarda la reputazione. Una pagina con 10.000 follower che non riceve like dal proprio pubblico, che non riceve commenti, che quando va in diretta ha 0 spettatori, agli occhi di nuovi utenti apparirà come una pagina con una pessima reputazione o come una pagina morente, poco attiva, una pagina poco interessante che non vale la pena seguire.

A questo punto qualcuno potrebbe pensare di “ingannare” il pubblico, acquistando non solo follower, ma anche like ai propri post, in modo da dare l’impressione a nuovi potenziali spettatori che c’è interesse da parte del pubblico per i propri post.

Questa soluzione parte dall’assunto che il pubblico sia stupido e che si lasci ingannare e attenzione, Spoiler Allert, il pubblico non è stupido.

Il pubblico è fatto di persone individuali che sono perfettamente in grado di capire cosa gli piace, cosa non gli piace e alla maggior parte delle persone, non piace essere prese in giro. Provare ad ingannare il pubblico può facilmente tradursi in un boomerang che torna in dietro e sporca ancora di più la reputazione di un brand.

Fattore economico

Fino ad ora abbiamo visto perché non conviene acquistare follower in termini di portata, fidelizzazione, reputazione ecc, ma c’è anche un ulteriore punto da tenere in considerazione, ovvero, il fattore economico.

Comprare 10.000 follower per 90€ può sembrare un ottimo affare, perché con un investimento pubblicitario di 90€ difficilmente riusciremo ad ottenere 10.000 follower.

Come abbiamo visto però, oltre all’acquisto dei follower, per “simulare” un pubblico attivo, è necessario anche acquistare interazioni (like, spect, ecc) inoltre è necessario mantenere il profilo attivo e questo si traduce in un ulteriore spesa, prolungata nel tempo.

Il costo dei like è molto simile a quello dei follower, 1000 like costano circa 5€.

Ipotizzando di voler simulare un profilo attivo molto seguito, che pubblica un post al giorno, in circa un mese, oltre alla spesa (non investimento) iniziale di 90€ dovremmo spenderne altri 150.

In soldoni, per un mese in cui fingiamo di avere 10.000 follower, dovremmo spendere almeno 250€, e in un anno arriveremmo a spendere quasi 2.000€ senza ottenere nulla.

Con lo stesso budget mensile, circa 150€ potremmo sponsorizzare i nostri post ad un ampio bacino di utenti potenzialmente interessati e facilmente convertibili in follower realmente interessati ai nostri post.

Investire sul pubblico

Investendo in sponsorizzazioni, anziché comprare follower, dopo qualche mese non sarà più necessario spendere, perché, se la sponsorizzazione sarà affiancata ad una buona linea editoriale, ricca di contenuti di qualità, riusciremo a costruire una base di follower molto fidelizzati e pronti a convertirsi in clienti, garantendo così al nostro investimento un ritorno non solo in termini di reputazione positiva, interazioni e incremento del pubblico, ma anche in termini economici, che in altri termini vuol dire, rientrare della spesa e produrre degli introiti grazie ai nostri profili social.

Se hai bisogno di aiuto per programmare la tua linea editoriale, per realizzare contenuti di qualità o per l’analisi e definizione di una campagna ads per il tuo brand o profilo social, contattaci all’indirizzo thetawebagency@gmail.com ti risponderemo in 24h

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: